Guide Multimediali LaboBit

guide multimediali contenenti audio, video, foto, testo e link

Le Guide Multimediali LaboBit possono contenere audio, video, testo, link, foto, banner e form di contatto.
Il turista le utilizza tramite il proprio telefono smartphone o tablet.
Nessuna app da scaricare e installare.
Compatibilità assicurata con tutti i telefoni smartphone e tablet.
Costo di produzione alla portata di tutti. A seguire tutte le info necessarie per comprendere l’innovazione dello strumento offerto.

Chi sono

Mi chiamo Tommaso Raffoni e mi occupo di informatica, prevalentemente per la Fondazione RavennAntica, da 16 anni. L’esperienza con RavennAntica è da sempre interessante, perché opero in più di dieci strutture totalmente diverse l’una dall’altra. Musei, laboratori didattici, aree archeologiche e chiese. Ognuna con problematiche uniche da risolvere. Per vedere tutto quello che possiede/gestisce la Fondazione, andare nell’area “cosa vedere” del sito www.ravennantica.it
Voglio sottolineare che mi occupo di informatica, strategie web, creazione siti internet, grafica, foto e video.

Cosa offro

Ogni museo possiede audioguide. Io ne offro l’evoluzione, ossia guide multimediali che oltre all’audio possono contenere video, link, blocchi di testo, banner, foto e moduli da compilare.
Non vendo nulla di fisico, perché la Guida Multimediale LaboBit, il turista, la utilizza dal proprio telefono smartphone o tablet.
Il tutto ad un prezzo estremamente interessante, se paragonato a cosa offre il mercato.

A chi mi rivolgo

Questa offerta è rivolta a musei di ogni dimensione, fiere, uffici del turismo, chiese che vogliono dare un servizio esclusivo ai visitatori investendo una cifra assolutamente abbordabile per tutti, anche piccole realtà, e soprattutto da vendere al turista ad una cifra irrisoria, o addirittura regalare.

Confronto fra audioguide classiche e la Guida Multimediale LaboBit

 

Precisazione: utilizzo il plurale per le audioguide classiche e il singolare per la Guida Multimediale LaboBit per il semplice motivo che le audioguide classiche, un museo, le acquista fisicamente in blocco, un determinato numero di pezzi, e solo su quei pezzi c’è installata la guida.

Invece, la Guida Multimediale LaboBit è accessibile da internet, e viene utilizzata tramite telefono smartphone o tablet, quindi è disponibile per un numero immenso di utenti, tutti coloro che dispongono di un dispositivo ai quali vengono fornite le credenziali per accedervi. Le credenziali sono il sito web al quale collegarsi e una password per accedere. Questi 2 dati li comunica l’addetto alla biglietteria al turista al momento dell’acquisto della guida.

audioguide classicheGuida Multimediale LaboBit
si acquistano fisicamente, ogni pezzo costa dai 50 ai 100 euro e oltrenon si acquista fisicamente la guida, si acquista il software e il turista lo utilizza dal proprio smartphone o tablet connesso ad internet
solitamente per ricaricarle hanno una valigia o un box, costa parecchie centinaia di euro, occupa spazio e consuma energia elettricaogni turista la usa tramite il proprio smartphone, quindi non ci si deve preoccupare di ricaricare nulla. Per un servizio ottimale da fornire al turista vedere capitolo “extra”
la ricarica degli apparecchi è una spesa economica in energia elettricanessuna spesa in energia elettrica
sono antigeniche. Tutti le toccano, le tengono appoggiate all’orecchio e fra i capelli.
Io vado per musei, da turista, e di rado le utilizzo
nessuno di questi problemi. Ogni turista accede alla guida dal proprio telefono smartphone o tablet
in caso di rottura, la riparazione comporta dei costi, del tempo per impacchettarle e andarle a spedire al fornitore tramite posteproblema che non si pone
contenuti. Le audioguide più diffuse contengono solo audio, con capacità in megabyte estremamente limitatala Guida Multimediale LaboBit può contenere contemporaneamente audio, video, testi, link e foto.
In quantità illimitata.
implementare i contenuti è macchinoso e ci si impiega molto tempo, dovendo intervenire su ogni apparecchio fisicamente.l’implementazione dei contenuti è fatta da me. Li inserisco nel mio programma di gestione e sono immediatamente fruibili da tutti i turisti accreditati
spazio: valigie o box di ricarica occupano spazio. E chi lavora in un museo sa bene che lo spazio è sacro, soprattutto al banco vendita ticketnon occupano spazio, si consultano dal proprio smartphone o tablet
usabilità. Stando tutto il giorno, tutti i giorni, a lavorare con dei pc, quando vado in un museo odio dover capire come funzionano le audioguide, anche se spesso c’è l’addetto alle vendite che me lo illustrala Guida Multimediale LaboBit viene utilizzata nello strumento che meglio conosciamo: il nostro telefono smartphone o tablet.
L’addetto alla vendita non deve spiegare nulla. Deve solo indicare come accedervi, ossia tramite browser. Nessuna app da scaricare

manutenzione. Ogni tanto andrebbero pulite, disinfettate. In pochi lo fannonessuna manutenzione
quando si consegna al turista l’audioguida si chiede in deposito un documento che verrà riconsegnato quando verrà riconsegnata l’audioguida a fine dell’audio tour.
Personalmente non sopporto dare documenti in mano a sconosciuti.
anche questa operazione non è necessaria. Altro tempo che risparmia l’operatore che lavora in biglietteria.

FAQ

 

Domanda: nel museo, fiera, dove devono essere utilizzate le guide, deve per forza esserci una copertura wi-fi?

Risposta: no, non è essenziale. Funzionano ugualmente, però il turista consuma il suo traffico dati. E’ veramente basso il consumo di dati utilizzati, però sarebbe meglio e più “promozionale” avere una struttura coperta da wi-fi gratuito ad accesso libero.

Domanda: il mio museo non ha il wi fi. come posso capire se il traffico dati funziona, all’interno del museo?

Risposta: è molto semplice. Posizionati in diversi punti del museo e prova a navigare su internet. Per esempio apri il browser e digita il nome di un sito web. Se ti appare, il traffico dati funziona.
Prima di creare la guida per la Domus dei Tappeti di Pietra di Ravenna, sono andato nella Domus e da varie posizioni ho fatto la prova sopra suggerita.
Da ovunque il mio cellulare smartphone navigava tranquillamente. La Domus in questione è a 10 metri sotto il livello strada e sopra c’è un palazzo. Il caso è estremo.

Domanda: la guida è compatibile con tutti i dispositivi smartphone e tablet o ha limitazioni?

Risposta: è compatibile con tutti i telefoni smartphone e tablet e con tutti i browser utilizzati dai dispositivi per navigare su internet: Google Chrome, Firefox, Opera, Safari ecc.

Domanda: c’è un limite per il numero di lingue, oltre all’italiano?

Risposta: nessun limite. Si può fare in tutte le lingue che si vuole.

Domanda: in quanto tempo si può creare la guida per un museo o per una fiera?

Risposta: da quando mi vengono forniti i testi, le foto, i video, in una settimana consegno una bozza semi definitiva della guida. Farò poi le ultime correzioni, in qualche giorno, dopodichè la guida è pronta per essere utilizzata.

Domanda: quali altri servizi puoi offrire alla mia attività?

Risposta: tutti i servizi che posso offrirti sono nella parte bassa della homepage del mio sito, LaboBit: www.labobit.it . Non mi occupo di tutto quel che offro, una parte dei servizi li seguono i miei collaboratori.

Domanda: quanto costa?

Risposta: poco, pochissimo, per il grado di innovazione che ha. Contattami e ti preparo un preventivo.
Si parla di centinaia di euro, non di migliaia.

Domanda: come ti contatto?

Risposta: tramite email: tr@labobit.it 

Extra, per un servizio completo al turista

In questo momento storico la reputazione online è di importanza vitale.
Bisogna quindi riflettere su tutte le situazioni che potrebbero capitare, per evitare brutte figure e soprattutto brutti commenti sulla nostra struttura nei social network.
Due casi:

Caso 1: il turista non ha con sé il proprio telefono smartphone o tablet, l’ha dimenticato in albergo. Per venire incontro a queste persone suggerisco di acquistare 4 o 5 tablet, se ne trovano in offerta da 50 euro. Non devono essere ultra potenti, visto che il contenuto della Multimedia Guida LaboBit è leggero e veloce.
I tablet verranno noleggiati a chi non ha il proprio telefono.

Caso 2: il turista lamenta poca carica residua nel proprio telefono smartphone o tablet. Anche in questo caso bisogna garantirgli la possibilità di usufruire della guida. Si acquistano 2 o 3 battery pack e li si tiene sempre a portata di mano carichi. Cosa sono? Sono delle batterie aggiuntive grandi come metà telefono che ricaricano il telefono quando è scarico. Costano una ventina di euro al pezzo. Collegati al telefono durante la visita, il turista, oltre ad usufruire della guida, ricarica anche il telefono.
Meglio di così.

Dimostrazione con immagini commentate

Le foto che seguono sono della Guida Multimediale LaboBit in uso alla Domus dei Tappeti di Pietra di Ravenna, struttura utilizzata con successo come test. Centinaia di turisti l’hanno acquistata e tutti, il 100%, ne è rimasto soddisfatto. Sto lavorando per la creazione di guide per tutte le strutture della Fondazione RavennAntica, visto il successo ottenuto alla Domus dei Tappeti di Pietra.
Alcune strutture avranno addirittura guide con, oltre alle varie tracce in lingua, anche le tracce per bambini.

Foto 1

Il turista chiede un’audio guida. L’addetto del museo gli spiega che può accedervi dal proprio telefono smartphone o tablet, e gli comunica l’URL (indirizzo web) al quale collegarsi (www.xxxxxxxxx.it) e la password da inserire. In caso sia attivo, può suggerirgli di collegarsi al wi fi della struttura.
Entrato nella pagina e inserita la password, al turista comparirà la schermata visibile nella foto 1.
Logo e nome del museo nella parte alta e lingua da selezionare cliccando sulla bandiera, nella parte bassa dello schermo.
Nel nostro caso, il turista clicca sulla bandiera italiana.

Foto 2

Dopo aver selezionato la lingua, sulla schermata appare la prima sosta. Una foto scattata nel museo, della prima sosta, fa vedere dove deve posizionarsi il turista, ossia vicino all’adesivo rosso e bianco con scritto 1. In foto l’ho ingrandito un pò, nella realtà l’adesivo è più piccolo e meno invasivo. Arrivato alla prima sosta, il turista, può premere play, il triangolino sotto alla foto. L’audio parte.

Foto 3

Finita la prima sosta, il turista fa scorrere la pagina della guida fino alla seconda sosta, l’ascolta e prosegue, così per 10 soste.

Foto 4

Dopo la decima sosta, ossia finito il percorso, ho inserito un video promozionale del nuovo museo Classis Ravenna, e le icone dei nostri social.

Foto 5

Continuando a scorrere, sotto le icone dei social compare un testo “Ora dove vado”.

Foto 6

Il testo completo “Ora dove vado”, nella foto 6.

Foto 7

Infine, nella foto 7, compare un ringraziamento finale.

Fine della guida.

Video dimostrativo dell’utilizzo della guida da parte del turista

E’ tutto. Per una visione del prodotto sul proprio cellulare smartphone o tablet basta contattarmi. Fornirò le credenziali di accesso e sarò lieto di rispondere ad ogni domanda a riguardo.

Grazie per l’attenzione.

 

Tommaso Raffoni LaboBit